fotografo di matrimonio pistoia e lucca

Sono Andrea, questo già lo sai, e mi piace imbucarmi ai matrimoni (questo non lo sapevi).

Questa cosa non funzionava sempre e allora sono diventato un fotografo di Cerimonia.

Cosi è più facile e non si rischiano pestaggi.

Perché mi piace fare l’imbucato?

Perché mi piace la festa, la gioia e l’amore che si percepisce durante i matrimoni.

E’ una giornata energetica, e questa energia la trasformo in ricordi con le mie fotografie che non sono quelle di un eclettico regista ma di una comparsa: discreta, spesso invisibile ma sempre presente.

Mi vuoi come fotografo? La scelta è fra un compagno di viaggio che ti accompagnerà nel tuo matrimonio e un tassista annoiato che fa sempre il solito tragitto.

Eccomi qui…io sono Andrea

Come avrai capito mi piace scherzare… 

Ok, mi piace scherzare ma adoro il mio lavoro. Adoro vedere le vostre facce quando vi consegno il servizio fotografico.

Mi sono sposato anche io!

E qui inizia la storia triste, ma non mi fraintendere, il mio matrimonio va benissimo! La storia triste è che del mio matrimonio ho delle fotografie bruttissime.

E la cosa buffa è che le foto al mio matrimonio le ha fatte mio padre, fotografo di matrimonio anche lui.

Non che mio padre fosse un pessimo fotografo, anzi nel suo genere era bravissimo. Uno dei fotografi più stimati della città.

E’ proprio questa l’origine del problema. Io non ho scelto il fotografo del mio matrimonio e  il suo  genere fotografico non era ne il mio ne quello di Barbara, mia moglie.

Quando la ruota della vita ha fatto si che fossi io a trovarmi a fotografare altri sposi ho subito avuto un dubbio: sarò la persona adatta per gli sposi che mi scelgono come compagno di viaggio?

Ti faccio una domanda: ti è mai capitato ad un matrimonio di assistere a qualche scena di un fornitore inadeguato? Il fotografo invadente? Il musicista prezzolato che sbagliava i nomi degli sposi? O i camerieri un pò demodé e maldestri?

Ecco non vorrei mai essere una di queste figure durante il tuo matrimonio.

Ci tengo a farti fare bella figura

Ti basta fare bella figura il giorno del tuo matrimonio? E’ sicuramente importante che sia cosi.

E’ vero che tutti ci teniamo a lasciare una bella impressione ai nostri ospiti. Che tutto deve essere perfetto, che il servizio deve essere impeccabile e la location pure.

Ma diciamoci la verità: se un cameriere mette un dito nel piatto i tuoi ospiti forse non lo noteranno nemmeno, o dopo pochi giorni, se non subito, se ne dimenticheranno.

Ma le fotografie ed i video, quelli saranno gli stessi per sempre. Saranno le uniche testimonianze del giorno delle vostre nozze. E se saranno brutte immagini non sarà possibile tornare indietro e rifarle.

Non ti voglio spaventare. Non voglio mettere dubbi nelle tue scelte. Oggi siamo in tantissimi bravi fotografi.

Sai perché spesso però le coppie non sono felici del loro servizio fotografico?

Quasi sempre perché  il fotografo che avevano scelto non era quello giusto. Non meno bravo  o meno competente di altri, semplicemente il fotografo sbagliato per loro.

Per me questo è un punto cruciale. Ci ho anche scritto una guida apposta (la puoi scaricare qui) per aiutare le coppie a scegliere il fotografo giusto per le loro nozze.

Perché ci tengo a farvi scegliere il fotografo adatto, con il rischio di non essere io il vostro fotografo?

Due motivi:

Il primo è che lavoro bene con le coppie che si trovano bene con me. Sono felice quando sento che c’è sintonia fra noi.

E nelle vostre foto lo vedrete.

Il secondo motivo è che…non voglio che altri ripetano il mio errore!

Per me è un lavoro.

Ma voi non siete solo clienti

Adesso ho detto abbastanza di me. So già che avrai una domanda che ti gira per la testa.

Ti stai chiedendo se da queste pagine e da un breve colloquio potrai capire se sono il tuo fotografo.

Non è facile. Non è facile per niente.

E allora vorrei scommettere con te, e provare a darti la soluzione ai tuoi dubbi.

Approfitta della promo sposi 2017 (tutti i dettagli qui ) prenotando un servizio fotografico di fidanzamento con il quale ci “studieremo” a vicenda.

Cosi scopriremo se possiamo fare questo viaggio insieme…